Quando in piena estate è stato avvicinato affinché pagasse una cifra per "mantenere le famiglie dei carcerati", Giuseppe Granata, gestore del lido "La Fiorente", non ha esitato un attimo a rivolgersi ai carabinieri. Egli è il figlio di Raffaele Granata, ucciso proprio su quel lido nel 2008 perché si era rifiutato di pagare il pizzo al clan dei casalesi nonché componente dell'ufficio legale della FAI e membro attivo della locale associazione antiracket. Insieme come sempre ci presenteremo in tribunale per la costituzione di parte civile e per portare a tutti il messaggio di sempre: denunciare ogni tentativo di prevaricazione e di prepotenza camorrista è possibile ed è la cosa giusta da fare.
Alleghiamo il comunicato stampa della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.
    

Napoli, 27 novembre 2020            

                                                                               Il presidente FAI                                                                                                                                                            
                                                                                 Luigi Ferrucci