La FAI – ANTIRACKET GELA Associazione “G. Giordano”
si costituisce parte civile contro la mafia gelese nel processo “Stella cadente” 

Si è aperto oggi davanti al collegio del Tribunale di Gela, presieduto dalla Dr.ssa Miriam D’Amore (pubblico ministero Dr. Matteo Campagnaro) il processo “Stella cadente” a carico di 11 dei 27 imputati per i quali il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Caltanissetta aveva disposto il giudizio immediato (i restanti 16 imputati hanno chiesto di essere ammessi al giudizio abbreviato). Nel corso dell’udienza è stata ammessa la costituzione di parte civile della FAI – ANTIRACKET GELA Associazione “G. Giordano”, di cui è Presidente Renzo Caponetti, rappresentata dall’Avv. Mario Ceraolo del foro di Messina, nonché di due vittime di estorsione, aderenti alla suddetta Associazione, patrocinate dall’Avv. Valentina Lo Porto del foro di Gela.Gli imputati dovranno rispondere a vario titolo dei reati di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, nonché dei reati, aggravati dal metodo mafioso, di estorsione, porto illegale di armi da fuoco, minacce aggravate e danneggiamento, intestazione fittizia di beni, autoriciclaggio, spaccio di sostanze stupefacenti.   6 maggio 2020                                                                           

                                                                             Il presidente della FAI      
                                                                                     Luigi Ferrucci



 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito