Operazione "Stella cadente", decine di arresti tra capi e gregari della Stidda

 

FAI Antiracket Gela - Associazione "G. Giordano"
COMUNICATO STAMPA 

L’operazione antimafia condotta dalla polizia di Stato, rappresenta per l’associazione Antiracket “G. Giordano” di Gela, che mi onoro di presiedere, un momento di grande orgoglio per una battaglia vinta dalla città onesta che vuole vivere e lavorare, senza condizionamenti e nel rispetto della legalità. Oggi possiamo dire che un altro duro colpo è stato inferto alle cosche mafiose, grazie alla collaborazione di cittadini ed al lavoro prezioso della Squadra Mobile di Caltanissetta, della P.G. di Gela, e della DDA di Caltanissetta. A costoro va il ringraziamento personale e di tutti gli associati. Voglio esprimere ancora una volta il mio plauso a quei commercianti che hanno scelto la via della ribellione, e che abbiamo avuto l’onore di accompagnare nel percorso della denunzia. Non saranno soli in tutte le fasi che seguiranno sino all’esito giudiziario. L’operazione "stella cadente" è un’altra tappa di una città che ha fatto della lotta al racket la sua bandiera di vita. Soddisfazioni e ringraziamenti sono stati espressi dal Presidente della F.A.I. Luigi Ferrucci, che domani sarà a Gela per una riunione interna del coordinamento Regionale FAI, e dal Presidente onorario Tano Grasso. 

Il Presidente della FAI-Antiracket Gela - Associazione “G. Giordano”                                                                                     
Cav. Renzo Caponetti    








 
 
Articolo sul "Corriere della Sera".
Articolo su "La Sicilia".
Articolo sul "Quotidiano di Gela".
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito