FAInotizie | "Torneo della Legalità", la seconda edizione dedicata a Filippo Raciti

A Maggio la premiazione delle squadre alla presenza di Marisa Grasso


Dopo il successo dello scorso anno, torna il "Torneo della legalità", la manifestazione che vede protagonisti i rappresentanti delle forze dell’ordine, della FAI Antiracket e Antiusura e di altre associazioni con scopi sociali.

Questa edizione è dedicata alla memoria di Filippo Raciti, il poliziotto ucciso il 2 febbraio 2007 a Catania al termine dell'incontro di calcio tra la squadra locale e il Palermo, in cui scoppiò una guerriglia urbana tra le forze dell'ordine e un gruppo di oltre duecentocinquanta ultras.

Le squadre impegnate sono: ASD FAI Antiracket Campania, Polizia di Stato (Questura di Napoli), Carabinieri (Comando Provinciale di Napoli), Guardia di Finanza (Comando Provinciale di Napoli), Polizia Penitenziaria (Casa Circondariale di Secondigliano), Centro Commerciale naturale "Al Corso" di Casalnuovo di Napoli, F.C. San Giorgio Veterani, Architetti Napoli Calcio ASD.

Un segnale importante per testimoniare che il movimento antiracket opera di concerto con le forze dell’ordine presenti sul territorio e con tutti gli operatori economici, dai liberi professionisti ai commercianti. Una collaborazione in grado di diffondere sempre più speranza e fiducia in chi quotidianamente, vessato dalla criminalità organizzata, è costretto a scegliere da che parte stare e che sempre più sceglie la legalità. La legalità si costruisce con la conoscenza delle regole e il rispetto dell'altro e lo sport si fonda ugualmente su regole accettate da tutti. Attraverso lo sport, soprattutto quello di gruppo, è possibile creare un “dialogo” alla pari, perché ad unire sono principalmente i valori dell’amicizia, della lealtà, dell’impegno, nonché l’aspirazione a migliorarsi.  Dunque lo sport può essere un mezzo per educare alla legalità. L’obiettivo del torneo è far sì che, attraverso il linguaggio e l’immaginario sportivo, tanto amato soprattutto dal mondo giovanile, si crei un momento di educazione alla legalità, un percorso mirato a far scoprire agli adolescenti l’importanza di un territorio riscattabile solo con l’impegno e la volontà di tutti.

La finale si terrà a fine maggio nello stadio comunale di Casalnuovo di Napoli, dove la signora Marisa Grasso, vedova del poliziotto Raciti, premierà le squadre partecipanti insieme ai personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport.