Un numero verde per denunciare il pizzo è l'iniziativa messa in campo dall'Associazione FAI Antiracket Catania


Per le segnalazioni basta chiamare il numero 3347427786 a qualsiasi orario del giorno


La denuncia rimane lo strumento più efficace e immediato per contrastare il racket, ma le vittime spesso rinunciano a squarciare il velo del silenzio per paura di rimanere da sole. 
L'Assocaizone FAI  Antiracket Catania, presieduta dall'imprenditore Walter Ansorge,  ha per questo motivo attivato un numero di telefono dedicato agli imprenditori che vogliono segnalare o denunciare anche in maniera anonima i casi di cui sono vittime. Per avanzare le proprie segnalazioni basta chiamare il 3347427786 a qualsiasi orario del giorno.
«La nostra Associazione in primo luogo - spiega il presidente Walter Ansorge - fornisce ascolto. Spesso liberarsi di questo 'peso' rappresenta il primo passo per affrontare i problemi in modo oggettivo. A chiunque si rivolga all'associazione, viene garantito il più totale anonimato e la protezione assoluta dei dati e delle informazioni comunicate. Oggi - ricorda il presidente di Fai Antiracket - denunciare conviene poichè lalegislazione nazionale ha recepito in questi anni le istanze che provenivano dalle associazioni e dalla società civile».
 L'associazione fornisce «appoggio e assistenza legale, psicologica, morale e materiale ai soggetti che svolgono attività economica, vittime di reati di criminalità». «I nostri legali - sottolinea Ansorge - danno supporto e consigli per affrontare la fase della denuncia e del processo, mentre gli esperti aziendalistici aiutano a gestire situazioni di crisi e rapporti difficili con fornitori e banche. Questo numero di telefono rappresenta - 24 ore su 24 - una linea diretta con la nostra Associazione perché è possibile finalmente combattere, insieme, il fenomeno dell'estorsione»