Intimidazione ai Carabinieri di Secondigliano


La solidarietà della FAI


In riferimento al raid avvenuto questa notte contro la stazione dei Carabinieri di Secondigliano, la FAI- Federazione associazioni antiracket esprime la propria solidarietà ai Carabinieri impegnati ad operare in una delle realtà più difficili della città, a tutti i Carabinieri di Napoli e al Comandante provinciale  generale  Antonio De Vita. L’atto di intimidazione, come sottolineato dal generale De Vita, è rivolto contro l’efficace azione di contrasto alla camorra dei Carabinieri di Napoli. Le associazioni antiracket napoletane in questi anni hanno avuto modo di apprezzare lo straordinario lavoro svolto dai Carabinieri con i quali tanti imprenditori hanno collaborato per denunciare i propri estorsori. La qualità dell’impegno e la passione delle forze dell’ordine napoletane costituiscono una delle più importanti risorse  di questa comunità e rappresentano un esempio per tutta l’Italia. Adesso è fondamentale che tutta la comunità napoletana,  a partire da Secondigliano, faccia sentire ai Carabinieri il sostegno, l’affetto e la gratitudine per il quotidiano lavoro svolto.

cdc