Memoria, educazione alla legalità e cittadinanza attiva al centro del progetto "I giovani si prendono cura della città"


Domani, mercoledì 20 aprile, alle 12.30, presso il Liceo Umberto di Napoli, si terrà l’incontro conclusivo del progetto “I Giovani si prendono cura della città”.
L’evento, che vedrà la partecipazione del Vicesindaco e dell’Assessore ai Giovani del Comune di Napoli rispettivamente Raffaele Del Giudice ed Alessandra Clemente, si concluderà con la testimonianza di Giovanni Estate, fratello di Maurizio vittima innocente della criminalità.
L’iniziativa sarà l’occasione per avviare con gli studenti un percorso di adozione e cura delle aiuole antistanti la scuola, un modo fattivo per educare anche i più giovani a salvaguardare il proprio territorio. Le aiuole saranno dedicate a Maurizio Estate, al quale è stata intitolata nel febbraio del 2014 l’Associazione Fai Antiracket Vomero-Arenella.
Il progetto è stato promosso dall’Assessorato a Giovani del Comune di Napoli, in collaborazione con il presidio di Libera Chiaia e la FAI – Federazione Antiracket Italiana.

cdc  


Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito