Franco Roberti a Vieste con il movimento antiracket

Presentazione del libro 'Il sistema delle estorsioni in Puglia' lunedì 4 aprile a Vieste

Lunedì 4 aprile alle ore 17:00 presso la sala conferenze dell'Hotel Melograni di Vieste  - via Lungomare Europa - sarà presentato il sesto volume della collana Arcipelago "Il sistema delle estorsioni in Puglia", curato dalla FAI - Federazione Antiracket Italiana, scritto da Andrea Appolonio e Giovanna Montanaro con la prefazione del Viceministro Filippo Bubbico. 

 

L’iniziativa è promossa dalla FAI - Federazione Antiracket italiana, dalla Fai Antiracket Puglia e dall'associazione FAI Antiracket Vieste.
Il libro – che analizza le nuove forme dell’agire estorsivo in Puglia - è il sesto volume della collana Arcipelago edita da Rubbettino ed ideata, oltre che curata, dalla FAI nell’ambito delle azioni del Pon Sicurezza.
Dopo i saluti del presidente dell'associazione FAI Antiracket  Vieste Giuseppe Mascia,  interverrannoi l Prefetto di Foggia Maria Tirone, il Procuratore Capo della DDA di BariGiuseppe Volpe, il Presidente onorario FAI Tano Grasso, il Sostituto Procuratore della DDA di Bari Giuseppe Gatti  e l'autrice Giovanna Montanaro.  
Le conclusioni saranno affidate al Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti,


cdc

 

Il volume analizza le nuove forme dell’agire estorsivo in Puglia. Si tratta di un fenomeno criminale in significativa ascesa negli ultimi anni, soprattutto in alcune zone ad alta densità mafiosa, che garantisce introiti sicuri e rappresenta un valido strumento di assoggettamento delle popolazioni e di controllo del territorio e delle economie locali. Un lavoro su di un fenomeno così esteso,sfaccettato e radicato nel tessuto sociale non poteva comunque prescindere da una partizione territoriale: esso è stato analizzato per
come si presenta nelle tradizionali cinque provincie pugliesi, nei relativi contesti e nelle rispettive peculiarità. Gli autori hanno così individuato, all’interno di un contesto criminologico estremamente complesso, differenti paradigmi dell’agire estorsivo agganciati ad una specifica realtà territoriale. La Puglia rimane dunque una delle regioni del Paese maggiormente investite dalla penetrazione estorsiva dei gruppi criminali, assieme alla Sicilia, alla Calabria e alla Campania.Nell’area pugliese,tuttavia,occorre procedere a numerose distinzioni: territoriali, e conseguentemente tipologiche.