A Messina la XXI giornata della memoria e dell'impegno

La FAI accanto a don Ciotti per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafie

“Essere costruttori di ponti è un abito mentale, un atteggiamento etico, un percorso culturale ed educativo: dunque riguarda la coscienza di ognuno e i valori dei singoli individui. Ma è anche un’opera sociale e corale, chiede e presuppone reciprocità. Se il ponte viene costruito contemporaneamente da entrambe le estremità, l’incontro sarà più vicino e più sicuro, l’opera più stabile e duratura. Don Luigi Ciotti
Il 21 marzo 2016 sarà Messina ad ospitare la XXI Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Come ogni anno, nel primo giorno di primavera simbolo di rinascita, la rete di Libera, gli Enti locali, le realtà del Terzo settore, le Scuole e i tanti cittadini si stringeranno al dolore dei tanti familiari delle vittime per ricordare tutti gli innocenti che hanno perso la vita per mano delle mafie; e per creare in tutto il Paese una memoria responsabile e condivisa che dal ricordo può generare impegno e giustizia quotidiana.
Messina è segnata dalla presenza mafiosa stratificata nei decenni, terra che ha pagato con un enorme tributo di sangue. Qui le mafie hanno saputo sfruttare la vocazione di collegamento di questo territorio, inquinando l’economia e la politica, distruggendo il paesaggio e rubando il futuro ai molti, troppi giovani costretti ad abbandonarlo. Ma è anche una città ricca, piena di tanti giovani svegli con lo stesso profondo desiderio di esserci, d’incidere, di contare, di restare nella propria terra per arricchirla e migliorarla.  
Ed da qui che il 21 marzo si riparte per costruire una grande opera sociale e corale, che sappia unire la memoria di tutte le vittime innocenti delle mafie, per congiungersi nei 900 luoghi che in tutta Italia per affermare un messaggio di impegno. 
Anche la FAI parteciperà alla XXI giornata della memoria  e dell’impegno in ricordo di tutte le vittime innocenti che si terrà a Messina, città in cui combatte da ben 25 anni il fenomeno del racket delle estorsioni. Numerose le associazioni antiracket aderenti alla FAI sparse su tutto il territorio siciliano, che quotidianamente si impegno per combattere la criminalità organizzata e diffondere la cultura della legalità.


Programma

Già nel pomeriggio di domenica 20 si terranno l’incontro tra i familiari delle vittime innocenti alle ore 15:00 al teatro Vittorio Emanuele II. Seguirà la veglia ecumenica presso la Chiesa Parrocchiale di Santa Caterina Valverde.
Nella mattinata di lunedì 21 marzo, il programma prevede alle ore 7:00 il concentramento della manifestazione in piazza Filippo Juvara; alle 9:00 la partenza del corteo, che percorrerà le vie di Messina fino a giungere alle 10:30 in Piazza Duomo, dove, dopo la lettura dei nomi delle vittime, ci susseguiranno gli interventi di Libera, di Avviso Pubblico e dei familiari delle vittime innocenti,che hanno perso la vita per colpa delle mafie. Alle 13:00, sempre in piazza Duomo, il Gruppo di Niscemi offrirà tigelle e gnocchi fritti. Dalle 14:30 fino alle 17:30 si terranno una serie di seminari.