Insieme con don Luigi Ciotti per celebrare la XXI giornata dell'impegno e della memoria

"Ponti di memoria, luoghi di impegno"

La XXI Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie si svolgerà come sempre il 21 marzo, ma quest’anno oltre alla celebrazione nazionale, in programma a Messina, saranno organizzate simultaneamente manifestazioni in oltre mille luoghi su tutto il territorio italiano, ma anche in città estere come Parigi, Bruxelles e Losanna.
L'iniziativa dal titolo "Ponti di Memoria, luoghi d'impegno" è promossa da Libera e Avviso Pubblico, in collaborazione con il Segretariato sociale della Rai e con l’Alto Patronato del presidente della Repubblica.
La Giornata della Memoria e dell’Impegno ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie e rinnova in nome di quelle vittime l’impegno nella lotta alla criminalità organizzata e alla corruzione. Il 21 marzo la manifestazione principale si terrà a Messina, ma iniziative saranno organizzate anche a Roma, Milano, Napoli, Torino, Reggio Emilia, Perugia, Imperia e saranno ricordate le oltre 900 vittime innocenti cadute per mano della violenza mafiosa.
Alle ore 11 del 21 marzo veranno letti i nomi e cognomi delle vittime innocenti delle mafie, in contemporanea in tutti i luoghi dove si celebrerà la Giornata. Un appuntamento preceduto da centinaia di iniziative promosse in Italia e in Europa, tra incontri nelle scuole, cineforum, dibattiti e convegni.
“Vogliamo sottolineare – dichiara Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera – non solo simbolicamente che per contrastare le mafie e la corruzione occorre sì il grande impegno delle forze di polizia e di molti magistrati, ma prima ancora occorre diventare una comunità solidale e corresponsabile, che faccia del “noi” non solo una parola, ma un crocevia di bisogni, desideri e speranze”. Don Ciotti, inoltre, spiega che è stata scelta Messina “per stare vicino a chi, in Sicilia, come in altre regioni, non si rassegna alla violenza mafiosa, alla corruzione e agli abusi di potere. Pensiamo che il nostro Paese – conclude don Ciotti – abbia bisogno di ponti che allarghino le coscienze e veicolino le speranze, non di certe grandi opere ma dell’opera quotidiana di cittadini responsabili, capaci di tradurre la domanda di cambiamento in forza di cambiamento”.


Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito