'Il sistema delle estorsioni in Puglia' martedì 9 febbraio a Francavilla Fontana

Martedì 9 febbraio alle ore 17,00, presso la Sala Grande di Palazzo Imperiali di Franca Villa Fontana  (in provincia di Brindisi)i,  sarà presentato il libro «Il sistema delle estorsioni in Puglia – Potere e Legittimazione», scritto da Andrea Apollonio e Giovanna Montanaro con prefazione del vice Ministro degli Interni Filippo Bubbico.

 

L’iniziativa è promossa dalla Federazione Antiracket italiana. Il libro – che analizza le nuove forme dell’agire estorsivo in Puglia - è il sesto volume della collana Arcipelago edita da Rubbettino ed ideata, oltre che curata, dalla FAI nell’ambito delle azioni del Pon Sicurezza.
Dopo i saluti del sindaco di Francavilla Fontana Maurizio Bruno, del presidente dell'Associazione FAI Antiracket Francavilla Fontana Onlus Salvatore Incalza ed del coordinatore regionale FAI Puglia Renato De Scisciolo, interverranno Rosa Stanisci già sindaco di San Vito dei Normanni e Tano Grasso presidente onorario della FAI.
Le conclusioni saranno affidate ad Annunziato Vardè prefetto di Brindisi. 
L’incontro sarà moderato da Cosimo Torino responsabile direzione e gestione amministrativa progetto PON Sicurezza FAI .  

 

Il volume analizza le nuove forme dell’agire estorsivo in Puglia. Si tratta di un fenomeno criminale in significativa ascesa negli ultimi anni, soprattutto in alcune zone ad alta densità mafiosa, che garantisce introiti sicuri e rappresenta un valido strumento di assoggettamento delle popolazioni e di controllo del territorio e delle economie locali. Un lavoro su di un fenomeno così esteso,sfaccettato e radicato nel tessuto sociale non poteva comunque prescindere da una partizione territoriale: esso è stato analizzato per
come si presenta nelle tradizionali cinque provincie pugliesi, nei relativi contesti e nelle rispettive peculiarità. Gli autori hanno così individuato, all’interno di un contesto criminologico estremamente complesso, differenti paradigmi dell’agire estorsivo agganciati ad una specifica realtà territoriale. La Puglia rimane dunque una delle regioni del Paese maggiormente investite dalla penetrazione estorsiva dei gruppi criminali, assieme alla Sicilia, alla Calabria e alla Campania.Nell’area pugliese,tuttavia,occorre procedere a numerose distinzioni: territoriali, e conseguentemente tipologiche.